Call Center: "Stop alla chiamate mute" ma il Far West rimane, risolvere con la Blacklist

Avete presente i call center? Quelli che vi molestano insistentemente per "aggiornarvi il piano telefonico" o "interessati a ridurvi la bolletta del gas"?


Ora il Garante della Privacy (detto anche dei "Garante dei Buoni Propositi"), ci informa che non si potranno più fare le chiamate mute , tuttavia molti continuano ad avere molti dubbi sull'efficacia di questa istituzione visto che nessuno paga e ci sono call center che continuano a fare i propri comodi da anni indisturbati.

Sensori di movimento nei supermercati in Finlandia e le formati delle birre

Girando per i supermercati della Finlandia mi ha colpito un dispositivo al quanto curioso, si tratta di una genialiata di marketing al quanto subdola perché ti distoglie la concentrazione da quello che stai facendo, ovvero la spesa.

Avvicinandosi al reparto bibite e alcoolici inizi a sentire strani rumori, din din del ghiaccio vicino la Coca Cola o il pffff dell'apertura di una lattina, vicino le birre. Subito ti senti disorientato, sembra che qualcuno apra le bottiglie vicino a te e faccia una festa, poi ti guardi un po' in giro e finalmente trovi la sorgente di inquietudine: sul soffitto c'è una specie di scatola con sensore di movimento e ogni volta che ti muovi nel giro di un minuto ti fa partire qualche suono che ti fa venire la voglia di quel prodotto.

Non so, personalmente questo marketing subliminale mi da abbastanza fastidio, se devo decidere se prendere un prodotto piuttosto che un altro voglio il silenzio e non essere seguito da occhi o voci elettroniche.


GTT: Biglietto smagnetizzato? Ora puoi fartelo rimborsare

Finalmente la GTT di Torino si è decisa a rilasciare lo scontrino del carnet di biglietti acquistato.

Ammetto di aver scavalcato più volte i tornelli della metro pur avendo un biglietto valido, solo perché il biglietto si era smagnetizzato oppure perché all'interfono non rispondeva nessuno!

Meglio tardi che mai, da ora sarà possibile farsi rimborsare il biglietto.

Mediaworld e i 100 secondi per prendere tutto quello che vuoi

Avete presente le azzuffate americane nei supermercati? La gente all'ingresso dei negozi che scatta all'ora X e tutti quanti entrano e cercano di accaparrarsi il prodotto del desiderio per una cifra ridicola? Anche a costo di fare a botte o perdere la vita?
 
 
Ecco l'ultima offerta di Mediaworld dei "100 secondi" dovrebbe rievocare queste americanate, ma non è nulla di tutto ciò. Semplicemente comprando dei prodotti sul volantino Mediaworld dal 4 al 14 settembre puoi partecipare e quindi puoi provare a vincere che puoi portarti a casa della roba in 100 secondi. La solita fuffa del "puoi provare", di chi vive sperando muore cagando, no?
 
Per maggiori informazioni 100diquesti.mediaworld.it

Non arrivi alla fine del mese? Emigra

L'Italia è un Paese strano, ci si stupisce della fuga dei cervelli, sembra sempre che sia #lavoltabuona , che l' Italia riparte, il problema è che gli stipendi scendono, il lavoro è sempre più precario e i prezzi salgono.

A rigor di logica i paesi ricchi, cioé quelli con reddito pro-capite più elevato, abbiano anche il prezzo degli alimentari più caro, eppure sembra non essere così.

Lambrenedettoxvi ci mostra un video girato al Lidl in Lussemburgo dove i prezzi sono come in Italia se non più bassi, ma lì gli stipendi base sono da 4000€/mese circa 3 o 4 volte in più di uno stipendio italiano.

Non ce la fate arrivare alla fine del mese? Emigrate e tanti saluti a Renzi & C. Nel Nord Europa gli stipendi sono migliori, c'é sempre l'euro, non vi serve passaporto o visto e poi tornate in Italia a farvi le vacanze.

La scomparsa dei prezzi

In questo mondo sempre più interconnesso e social, le informazioni girano alla velocità della luce, ma in tutto ciò c'è una regressione.

La scomparsa dei prezzi

Da quando la Apple è diventata l'azienda più venerata del pianeta anche tutti gli altri si sono adeguati, il prezzo non è più importante se un prodotto lo vuoi veramente, nell'ultimo iPad non gli viene neanche dato un numero, semplicemente l'hanno chiamato il nuovo iPad il "nuovo iPad".

Così anche il Carrefour prova a togliere qualche numero e i numeri che lascia non hanno praticamente significato, vuoi un certo prodotto.. eccolo ti diamo pure lo sconto di 10€, 50€, 100€ ! Peccato che con questo marketing alla Wanna Marchi non si va da nessuna parte.

Ridateci i prezzi e non siate ridicoli

Chi vuole una grigliata di carne con rucola RIGOROSAMENTE italiana a km0 ?

Abbiamo già parlato in questo blog delle "anomalie" della carne venduta in Italia, ma è possibile aggirare la legislazione italiana sull'etichettatura della provenienza della carne bovina?

 
 
A quanto pare sì, basta avere un po' di astuzia e una fettina di tagliata da etichettare diventa un piatto pronto o derivato e quindi esente da etichettatura. Basta una foglia di rucola rigorosamente italiana.
Giusto a riprova di quanto detto, la stessa carne bovina irlandese venduta sempre nello stesso centro commerciale il Gigante.
 
 
 
 

Pesce fresco alla coop con verme vivo

Su questo blog ci sono stati spesso dei dubbi sulla qualità del pesce fresco o decongelato che si può acquistare dentro i supermercati.

Ma ora c'é anche un video girato dento un supermercato Coop che mostra un pesce colorato e con sorpresa vivente.

Cosa comprare a Malta (e cosa no)

Cibo

Praticamente tutto il cibo fresco che trovate a Malta proviene dalla Sicilia o dall'Italia. La roba che trovate al Lidl o Carrefour arriva dall' Italia e se si tratta di roba più a lunga conservazione o congelata può arrivare dall' Olanda (carne), Scozia (pesce, scampi) o est Europa (Polonia).
Se potete cucinare potete comprare il pesce fresco a Marsaxlokk
 

La carne a Malta, viaggia tantissimo

Acqua

L'acqua in bottiglia arriva dall'Italia o Turchia. In alternativa potete provare l'acqua locale (Krystal, acqua da tavola) prodotta tramite il trattamento di potabilizzazione di osmosi inversa. Ci sono 3 impianti che rendono potabile l'acqua del mare, in passato venivano usati i pozzi sotterranei.

Birra

Viene prodotta una birra lager locale, niente di che, si chiama Cisk. Altrimenti ci sono le solite birre internazionali

Made in Italy

Come funzionano i trasporti pubblici a Malta e l'edilizia

Dopo il post su cosa mangiare a Malta, vediamo ora degli altri aspetti importanti sia per i turisti sia per chi deciderà di andare a vivere a Malta.
 

Bus a Malta

In passato c'era una compagnia di trasporto pubblico chiamata "Arriva" e come tutte le compagnie pubbliche di trasporto aveva debiti. Ora il servizio è stato completamente rivisto in modo radicale, cosa che in Italia si fa fatica a fare.
 
 
Caratteristiche:
  • Il servizio è capillare, nelle zone turistiche c'é un bus ogni 15min, mentre nelle zone più isolate bisogna aspettare anche 50min tra una corsa e l'altra.
  • Con un biglietto si gira per un ora in tutta l'isola di Malta, oppure con 6,50€ si ha l'abbonamento per 7 giorni aereoporto compreso, isola di Gozo esclusa (equivale al costo per raggiungere l'aereoporto di Torino Caselle da Torino città).
Condividi contenuti